Per la storica occasione presso la sacra Sala di Sant’Andrea del Gran Palazzo del Cremlino a Mosca, mentre la Russia è pronta a un tumultuoso momento di scultura e modellatura del suo incontro col destino, il presidente Vladimir Putin ha tenuto un discorso straordinariamente breve alla cerimonia inaugurale tenutasi il 7 maggio..

C’era così tanto da dire, considerando l’intensità del completamento dei due decenni di potere di Putin e l’inizio di un suo nuovo mandato di sei anni al Cremlino fino al 2030. È stata una carriera politica davvero straordinaria quella di un uomo della storia che ha coreografato sia la rinascita e il rinnovamento del suo paese che il ritorno della Russia al centro della scena politica mondiale. In verità, c’è grande attesa che il prossimo mandato di Putin di sei anni coincida con la creazione dell’ordine mondiale del 21° secolo.

Putin aveva un unico profondo messaggio da trasmettere al popolo russo, vale a dire la criticità dell’unità della nazione per il recente passato e per i tempi futuri: senza unità, tutto è perduto, mentre uniti, tutto è possibile.

La caratterizzazione del presente da parte di Putin come “questo difficile periodo cruciale” nella storia della Russia attira l’attenzione. Evidentemente non nutre speranze irrealistiche che la guerra in Ucraina finisca presto. In effetti, l’Occidente non è affatto pronto per la pace. L’ex sottosegretario di Stato Victoria Nuland lo ha ammesso pubblicamente, senza mezzi termini, in un’intervista a Politico lo scorso fine settimana.

Putin ha fatto due nomine chiave nel suo nuovo governo: quella di Mikhail Mishustin, un brillante tecnocrate che ha guidato l’economia russa in condizioni di sanzioni e guerra, affinché continui ad essere primo ministro e, in secondo luogo, la sostituzione del ministro della Difesa Sergei Shoigu con il primo vice primo ministro Andrei Belousov. Ciascuno risponde alle esigenze professionali attese, data l’importanza cruciale della gestione dell’economia che una guerra prolungata inevitabilmente comporterebbe.

Putin è impegnato in un programma sociale ed economico estremamente ambizioso durante il suo prossimo mandato, il cui successo richiede investimenti pubblici su vasta scala. Putin ha anche definito il punto di riferimento per sé stesso: il suo obiettivo è quello di portare la Russia alla posizione di quarta economia mondiale dietro Stati Uniti, Cina, Giappone e India: un’impresa formidabile.

D’altro canto, il bilancio della difesa russa è andato al galoppo durante i due anni di guerra in Ucraina, fino a toccare il 6,7% del PIL, avvicinandosi ai livelli dell’era sovietica. È qui che entra in gioco Belousov. È un economista esperto che ha servito per oltre un decennio come fidato consigliere economico di Putin. Belousov è uno statista keynesiano e un raro sostenitore del controllo statale nell’economia “post-sovietica” con un record pulito nella vita pubblica, che ora viene nominato per mettere a punto il complesso militare-industriale della Russia.

Il cambiamento nella leadership della difesa è particolarmente interessante in termini di tempistica. Negli ultimi mesi le truppe russe hanno ottenuto guadagni incrementali nell’Ucraina orientale, ma lo scorso fine settimana hanno lanciato una nuova offensiva nella regione nord-orientale di Kharkov.

La narrativa occidentale è che Mosca stia per ordinare una grande offensiva militare in Ucraina volta a schiacciare l’esercito ucraino. Tuttavia, chiaramente, Putin avverte la necessità di un adattamento e un potenziamento mentre le forze russe cercano di ottenere quante più conquiste territoriali possibili prima che entri in vigore il nuovo pacchetto di aiuti statunitensi da 61 miliardi di dollari.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha spiegato che la nomina di un ministro della difesa civile è radicata nella necessità dell’ “innovazione”. La Tass ha citato Peskov che ha affermato: “Oggi, sul campo di battaglia, il vincitore è colui che è più aperto all’innovazione… Pertanto, in questa fase, il presidente ha deciso che un civile debba essere a capo del Ministero della Difesa”.

L’osservazione di Peskov trasmette un grande messaggio: Putin si sta preparando per un lungo viaggio. Sei anni sono un periodo lungo ed è molto probabile che la guerra per procura con gli Stati Uniti possa intensificarsi ben oltre l’Ucraina o l’Europa.

Pertanto, la complessa situazione odierna della presenza russa nella base aerea statunitense di Niamey, in Niger, riflette le questioni geopolitiche che si stanno sviluppando in Africa. Solo la scorsa settimana, la Russia ha avuto intensi contatti ad alto livello con i paesi dell’Africa occidentale che si affacciano sulla costa atlantica.

L’idea sembra essere che la strategia militare effettiva venga probabilmente elaborata dal generale Valery Gerasimov, capo di stato maggiore, sotto la stretta supervisione dello stesso Putin. Un ex consigliere della banca centrale russa, Alexandra Prokopenko, ha scritto su X: “La priorità di Putin è la guerra; la guerra di logoramento viene vinta dall’economia”. In parole povere, Putin intende vincere la guerra schiacciando l’Ucraina in una lunga corsa agli armamenti su scala industriale.

Nel frattempo, la visita del segretario di Stato americano Antony Blinken a Kiev martedì è altamente simbolica in quanto voto di fiducia a favore del presidente Vladimir Zelenskyj, il cui mandato presidenziale termina il 20 maggio, il che ovviamente pone dubbi sulla legittimità del suo regime. La visita di Blinken arriva in risposta diretta alla nuova offensiva delle forze russe nella delicata regione di Kharkov iniziata venerdì scorso, dove le linee di difesa ucraine stanno crollando.

Bloomberg ha riferito ieri che l’amministrazione americana sta lavorando per fornire all’Ucraina un’ulteriore batteria di difesa aerea Patriot insieme a radar per aiutare il paese a respingere gli attacchi aerei russi. Blinken ha affermato che il pacchetto di aiuti da 61 miliardi di dollari in cantiere “farà davvero la differenza” sul campo di battaglia. Ha sottolineato che “l’Ucraina può contare sui suoi partner per un sostegno sostenibile a lungo termine”.

L’intento dietro la visita a sorpresa di Blinken a Kiev è quello di rendere evidente a Mosca che qualsiasi ipotesi secondo cui prima o poi gli Stati Uniti abbandoneranno l’Ucraina, soprattutto se le elezioni presidenziali americane di quest’anno riporteranno Donald Trump alla Casa Bianca, è profondamente errata.

La narrativa aggressiva che sta lottando per nascere nella DC è che “Indipendentemente dai risultati di novembre, il fallimento del Congresso nell’approvare l’ultimo pacchetto di aiuti in parole e fatti minerà la leadership e la credibilità degli Stati Uniti nel mondo, incoraggiando i nostri nemici”, per citare Liana Fix, esperta di politica estera e di sicurezza russa ed europea presso il Council on Foreign Relations di New York.

Nello scenario appena descritto, la Russia cercherà solo di consolidare i legami con Cina, Iran, ecc. La Russia vede la correlazione delle forze lavorare a suo favore. La visione del mondo russa è in armonia con quella del Sud del mondo. Il Ministro indiano degli Affari Esteri S. Jaishankar ha detto ieri in un forum pubblico a Nuova Delhi: “Nessun paese oggi è abbastanza dominante… Questo è un periodo di transizione in cui il vecchio ordine sta finendo la sua spinta, ma il nuovo ordine non è ancora arrivato”. Jaishankar ha anche sottolineato che la Russia è dotata di risorse naturali come petrolio, carbone e metalli di vario tipo che l’India può acquistare.

La traiettoria della politica estera russa non solo è sopravvissuta ai due anni di conflitto in Ucraina, ma il suo pensiero di fondo è effettivamente confermato. Questo si capisce meglio dalla totale fiducia riposta da Putin nel ministro degli Esteri Sergej Lavrov, che è già al timone degli affari da 20 anni, il che lo rende il diplomatico più longevo in piazza Smolenskaya dopo Andrei Gromyko.

Fonte originaria: https://www.indianpunchline.com/putin-resets-compass-for-voyage-ahead/

Traduzione a cura di Old Hunter

Condividi!

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *